DEANET

riga-inizio.jpg (4942 byte) riga-fine.jpg (4925 byte)

Picture

Sono qui rappresentati i soggetti coinvolti nel Progetto PATATRAC:

  • Centro di Consultazione Specialistica situato presso un DEA di II livello e presidiato da un Neurochirurgo
  • Centro Diagnostico Periferico situato presso un DEA di I livello dove sono eseguiti gli accertamenti diagnostici
  • Centrale operativa del Servizio di Emergenza Piemonte 118 che coordina il trasporto dei pazienti quando richiesto

Picture

Il Centro di Consultazione Specialistica presidiato da un Neurochirurgo è collegato in modo interattivo con il Centro Diagnostico Periferico con la possibilità di trasmissione di dati e simultanea conversazione.
Lo Specialista presa visione delle immagini diagnostiche può acconsentire alla dimissione del paziente, richiedere che siano svolti ulteriori accertamenti o disporre il ricovero per l’osservazione fino all’esaurimento dei sintomi.
Il ricovero può avvenire presso l’ospedale periferico o in caso di lesioni con possibile rapida evoluzione presso l’ospedale dotato delle competenze specialistiche necessarie.
In quest’ultimo caso è il Servizio di Emergenza Piemonte 118 che coordina il trasporto disponendo l’utilizzo del mezzo più adeguato.

Picture

L’unità di consultazione Neurochirurgica dispone di un Personal Computer e, nel caso esista una rete intraospedaliera, di un router per l’instradamento dalla rete locale a quella periferica. Sul PC vi è un applicativo che consente l’avviso di chiamata, la refertazione, la registrazione degli eventi, la gestione della Sicurezza e l’interconnessione con la Gestione Amministrativa.

Picture

l Centro Diagnostico Periferico è dotata di un Personal Computer. L’acquisizione dell’immagine dalla TAC sarà preferenzialmente diretta, cioè la rilevazione del segnale direttamente dal CT-scan stesso, laddove possibile. Per le apparecchiature meno recenti per l’acquisizione sarà necessario convertire il segnale analogico in digitale (mediante frame grabber). L’uso dello Scanner andrà visto unicamente come metodo per la digitalizzazione del materiale pregresso su lastra al fine di archiviazione. Ciascuna unità se inserita all’interno di una rete intraospedaliera necessiterà di un router per l’instradamento verso la rete regionale. Sul PC saranno installati due software applicativi : una per la manipolazione delle immagini che sarà scelto autonomamente dai radiologici di ciascuna unità sulla base delle loro esigenze con l’unica limitazione che operi in ambiente multiutente quale Windows NT. Un secondo applicativo sarà fornito dal Comitato che consentirà la possibilità di richiedere la consulenza, di dialogare in tempo reale con lo specialista, di archiviare gli eventi, di garantire la sicurezza e dove richiesto di connettersi alla gestione amministrativa dei singoli ospedali.

Picture

Come linee di collegamento preferenziale sono utilizzate le linee ISDN. Grazie al Servizio 118 ogni ospedale della Regione PIEMONTE è già raggiunto da questo tipo di linee. Dove possibile saranno adottate le nuove tecnologie sperimentali di trasmissione ad altissima velocità, ATM. Non è esclusa la possibilità di usare linee alternative (via etere) quali GSM o satellitari per unità mobili o come linee di riserva per le postazioni fisse in caso di emergenza.