Ritorna al progetto Patatrac sfondo-foglio-testa-riga-fine.jpg (5909 byte)
icona-patatrac.jpg (10039 byte) SUGGERIMENTI IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEL
TRAUMA CRANICO MINORE
riga-inizio.jpg (4942 byte) riga-fine.jpg (4925 byte)

Con il termine " Trauma cranico minore " ci si riferisce a tutti i traumi cranici con punteggio alla Scala di Glasgow (Tab. 1) pari a 14 o 15.
La presenza di deficit neurologici focali, di rino- od otoliquorrea od il sospetto di frattura affondata esclude che si possa inserire il trauma cranico tra quelli minori. La presenza di otorragia va invece valutata nel contesto clinico e non necessariamente comporta un trauma cranico.
I pazienti vengono suddivisi in tre gradi (Tab. 2) cui corrispondono diversi suggerimenti circa le modalità di trattamento.
  • GRADO 0 (Tab. 3)
    Rientrano in questa categoria i casi senza perdita di coscienza che lamentano unicamente dolore alla sede di impatto dove si rileva una modesta contusione.
    Si consiglia di dimettere il paziente consegnando a lui o a un famigliare un foglio informativo sulle modalità di comportamento al domicilio.
  • GRADO 0 a Rischio (Tab. 4)
    All'interno del Grado O sono individuati alcuni pazienti ritenuti a rischio di deterioramento neurologico tardivo per complicazioni neurochirurgiche. Tali pazienti sono gli etilisti o gli individui che fanno uso di sostanze stupefacenti, i soggetti coagulopatici e coloro che sono già stati sottoposti ad interventi neurochirurgici al cranio, in particolare modo i pazienti portatori di una derivazione liquorale.
    Per tali pazienti a rischio è suggerita l'esecuzione di una T.A.C. encefalica ed in caso di assenza di lesioni protrarre comunque l'osservazione per 12 ore.
  • GRADO 1 (Tab. 3)
    Rientrano in questa categoria i casi con perdita di coscienza ed amnesia posttraumatica, cefalea ingravescente e vomito, una vasta f.l.c. al capo od un ematoma subgaleale.
    Per tali pazienti è suggerita l'esecuzione di una T.A.C. encefalica nelle prime sei ore dopo il trauma ed in caso di assenza di lesioni l'osservazione per 24 ore, non necessariamente in ambiente specialistico, valutando il punteggio alla Scala del Coma di Glasgow ogni due ore.
  • GRADO 2 (Tab. 4)
    In questa categoria rientrano i pazienti che alla scala di Glasgow ottengono un punteggio di 14 ad un intervallo maggiore di 30 minuti dal trauma. Si tratta cioè di pazienti confusi, ma senza deficit neurologici focali.
    In tali casi è suggerita l'esecuzione di una T.A.C. encefalica e quindi il ricovero in ambiente specialistico fino alla risoluzione della sintomatologia.
  • ETA' PEDIATRICA (Tab. 5)
    In caso di trauma cranico minore in età pediatrica, se al di sotto dei tre anni, si consiglia comunque il ricovero in osservazione presso una Divisione Pediatrica, specialmente se il piccolo non è ancora in grado di parlare. I bambini di età superiore ai 12 anni mostrano un comportamento analogo a quello degli adulti.

    Le linee guida suggerite prevedono un estensivo utilizzo della T.A.C. encefalica come primo passo dell’iter diagnostico del trauma cranico, data la sufficiente distribuzione delle apparecchiature TC nei DEA della Regione Piemonte : una ogni 100.000 abitanti circa. La radiografia del cranio conserva ormai solo valore di correlazione statistica tra la presenza di una frattura ed il rischio di un ematoma intracranico.